News

Piante officinali e farmaci: occhio alle interferenze

Piante officinali e farmaci: occhio alle interferenze

05 Febbraio 2018

Quando medicina e natura si scontrano, le conseguenze possono essere serie.

Se stai assumendo una cura farmacologica, fai attenzione all’utilizzo di tisane o di integratori naturali composti da erbe officinali.

Anche gli ingredienti all’apparenza più innocui, infatti, hanno dimostrato di poter interferire concretamente con alcune categorie di farmaci.

Ecco le interferenze tra farmaci e prodotti erboristici ad oggi conosciute.

  1. Se assumi anticoagulanti…

Fai attenzione a non prendere ginseng, succo di bacche di goji, semi di lino, salvia, camomilla e mirtillo: questi sono alcuni degli ingredienti che interferiscono con l’anticoagulante warfarina, una sostanza utilizzata da chi soffre di patologie cardiocircolatorie o di depressione. I rischi? In alcuni casi possono essere anche gravi, fino ad arrivare ad episodi di emorragia.

  1. Se assumi ciclosporina…

…in seguito a patologie renali, fai attenzione a non bere camomilla e a non ingerire la curcuma. Questi due prodotti erboristici limitano il corretto assorbimento del principio attivo farmacologico, depotenziando la cura.

  1. Se assumi medicinali chemioterapici…

niente echinacea o ginseng: questi due ingredienti, insieme all’aronia nera – un frutto simile al mirtillo – interferiscono nella corretta metabolizzazione dei farmaci.

  1. Se assumi farmaci antidepressivi…

rinuncia al ginkgo biloba. L’interferenza che si crea tra i principi attivi dei medicinali e questo popolare prodotto erboristico può generare anche seri effetti collaterali, come le convulsioni

Per non rischiare di sbagliare, informa sempre il medico delle terapie farmacologiche in corso e di quali prodotti erboristici assumi con costanza: è compito dello specialista segnalarti possibili interazioni tra i prodotti, a beneficio del tuo benessere.
Diabete: i 5 segnali da non sottovalutare

Diabete: i 5 segnali da non sottovalutare

03 Febbraio 2018

Sei sicuro di conoscere tutti i campanelli d’allarme che possono indicare la presenza di diabete?

Alcuni segnali sono più noti, altri, invece, sono poco conosciuti.

Ecco 5 fattori da non sottovalutare, che possono suggerire l’insorgere di diabete.

  1. Hai spesso molta sete?

Questo è uno dei sintomi più conosciuti del diabete: gli elevati livelli di glucosio nel sangue rendono la sete insistente e incontrollata. Anche bevendo, la sete da diabete difficilmente si placa.

  1. Fai frequentemente pipì?

Aumentando il consumo di acqua, aumenterà anche il bisogno di andare in bagno. Gli alti livelli di glicemia, inoltre, stimolano la diuresi anche durante la notte, facendoti alzare più volte dal letto per fare pipì. Espellendo molti liquidi, la cute e le mucose si disidratano: un circolo vizioso che fa ricomparire la sete.

  1. Hai sempre fame?

Il diabete impedisce al corpo di convertire gli zuccheri in energia per l’organismo: per questo motivo una fame continua potrebbe essere un campanello d’allarme del tuo fisico che cerca cibo per ricaricarsi.

  1. Sei dimagrito molto?

In caso di diabete, specialmente di tipo 1, i livelli di insulina sono molto ridotti: per questo le cellule non riescono ad utilizzare il glucosio come energia per l’organismo, e sono costrette a ripiegare sugli accumuli di grasso o le proteine muscolari.

  1. Ti formicolano gli arti?

Un insistente formicolio a mani e piedi può indicare un danneggiamento delle terminazioni nervose o dei vasi sanguigni che trasportano il nutrimento. Un sintomo da non sottovalutare e che può suggerire una ridotta sensibilità causata dal diabete.

Se hai uno o più di questi sintomi, parlane con il tuo medico: la prevenzione è l’arma migliore per il tuo benessere.

Pillola anticoncezionale: 5 falsi miti

Pillola anticoncezionale: 5 falsi miti

01 Febbraio 2018

Il mondo della contraccezione è ricco di zone d’ombra.

Dubbi e perplessità che riguardano specialmente la pillola anticoncezionale: un farmaco contraccettivo utilizzato da quasi il 17% delle donne italiane.

Attorno alla pillola sono nati nel tempo numerosi falsi miti: eccone 5, tutti da sfatare!

  1. La pillola anticoncezionale aumenta il rischio di cancro: falso! Al contrario è stato dimostrato che la contraccezione ormonale diminuisce il rischio di tumore al seno e all’utero, fino a dimezzarlo.
  2. La pillola elimina il desiderio: la contraccezione ormonale diminuisce il livello di estrogeni, limitando la naturale spinta sessuale provata dalla donna durante l’ovulazione. Tuttavia, alcune coppie possono sentirsi frenate nel vivere una vita sessuale piena e soddisfacente, per paura di una gravidanza indesiderata. In questi casi, la pillola libera il desiderio e rende l’intimità più piacevole.
  3. La pillola fa ingrassare: ecco un altro falso mito. Grazie al progresso della ricerca e ai farmaci di nuova generazione, la pillola anticoncezionale contiene oggi ormoni naturali e progestinici diuretici, appositamente dosati per limitare l’accumulo di peso.
  4. La pillola danneggia la fertilità femminile: al contrario, la pillola protegge la fertilità femminile perché impedisce l’ovulazione e mette a riposo la zona pelvica, tutelandola da possibili infiammazioni mensili. Inoltre la pillola è utile nel prevenire patologie dannose per la capacità riproduttiva della donna, come cisti ovariche ed endometriosi.
  5. La pillola provoca una pericolosa amenorrea: è vero che durante l’assunzione della pillola il ciclo è meno abbondante e, spesso, può non presentarsi. Tuttavia, la scarsità del flusso è normale ed è legata al minor spessore dell’endometrio: un fenomeno “corretto” secondo la terapia ormonale. Una volta sospesa la pillola il ciclo tornerà regolare.

Se hai ancora dubbi, chiedi consiglio al tuo medico o al tuo farmacista: ti aiuteranno a fare chiarezza e insieme potrete valutare il metodo contraccettivo più adatto alle tue esigenze.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.